rondolino.jpg

Nel 1935 Cesare Rondolino sceglie di continuare a fare l’agricoltore, anzi il risicoltore, e quindi acquista il Torrone della Colombara, famoso per i terreni fertili e ricchi d’acqua, per questo particolarmente adatti alla coltivazione del riso.
Nel 1972 gli si affianca il figlio Piero continuando la tipica agricoltura estensiva, dove venivano coltivate le varietà più produttive adatte alle industrie di trasformazione.Nel 1992 Piero sceglie di iniziare la produzione di Acquerello, per costruire un rapporto diretto con il consumatore finale.
Dal 2000 Piero e il figlio Rinaldo, per ottenere la massima purezza, seminano solo una varietà di riso: il Carnaroli. Danno anche inizio alla loro collaborazione con Slow Food, che sceglie il Torrone della Colombara come sede didattica dell’Università di Scienze Gastronomiche.
Oggi contribuiscono alla crescita di Acquerello anche Umberto e Anna, fratelli di Rinaldo, che si occupano dell’immagine, mentre Maria Nava, moglie di Piero, segue la parte commerciale.


Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti anche con finalità’ commerciali.
Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai l’utilizzo dei cookie.
Le impostazioni dei cookie possono essere modificate in qualsiasi momento utilizzando il link Privacy presente nel sito, dal quale è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

accetto